Il tuo browser non supporta JavaScript!

Camilla Camomilla

sconto
15%
Camilla Camomilla
titolo Camilla Camomilla
autore
con testi di
argomento Letteratura per l'infanzia Narrativa italiana
collana Le rane, 26
marchio Le rane
editore Interlinea
formato Libro
pagine 72
pubblicazione 2009
ISBN 9788882126803
 
10,00 8,50
 
risparmi: € 1,50
Spedito in 2-3 giorni
Dopo una furibonda tempesta approda nel villaggio di Vicogioioso uno strano galeone, intrappolato tra i rami di un albero gigantesco. Nel galeone ci sono animali di tutte le specie e fiori, erbe, piante e persino una nuvola canterina. E c’è anche Camilla Camomilla, l’eroina tutto pepe di questa storia, pronta a difendere il piccolo paradiso terrestre in cui vive da chi pensa egoisticamente solo ai propri interessi. Il tema della difesa della natura e dell’utilizzo consapevole delle risorse del pianeta è narrato in questa lunga fiaba con un succedersi di situazioni comiche e di colpi di scena che conquistano i giovani lettori.
 

Biografia dell'autore

Augusta Curreli

Augusta Curreli, scomparsa a Cameri (Novara) nel 2004, ha illustrato libri di favole per le maggiori case editrici, talvolta collaborando con la scrittrice Anna Lavatelli (con i disegni di Zoorime e Il tesoro del deserto). Per la Fabbri ha ideato la collana “Chi c’è...”. All’estero è conosciuta anche per le illustrazioni di My Bible. The story of God’s love (Pauline, Boston 2004). Il racconto Camilla camomilla è inedito.

Un brano del libro

La mattina che seguì, gli abitanti del villaggio, uno dopo l’altro, uscirono dalle casette malconce, osservando desolati quella distruzione.
«La mia insalata! Non bastava l’asino di Peppino!»
«Guardate le mie oche, sono rimaste tutte nude, senza più una piuma!»
E chi piangeva la perdita dei suoi polli, chi raccattava in giro qualche tegola, chi raccoglieva i resti della sua imbarcazione con aria sconsolata.
«Mamma, mammaaa! C’è un coso nel fiume, un coso grosso, grossissimo, grossissimissimo!» piombň in mezzo a loro il piccolo Totò.
«Che cos’è, cosa hai visto?» tutti gli chiesero allarmati.
«Non lo so, non lo so, è laggiù!» Totò era tanto trafelato da non riuscire quasi a parlare.
Incuriositi, i paesani seguirono il bambino lungo il fiumiciattolo, che scorreva verso l’interno.
Ed ecco che, al limitare del boschetto, dove l’ansa del fiume formava un piccolo lago, si fermarono esterrefatti: al di sopra dei ligustri e delle tamerici videro stagliarsi un enorme albero.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.