Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il sarto di Gloucester

sconto
5%
Il sarto di Gloucester
titolo Il sarto di Gloucester
sottotitolo Fiaba di Natale
autore
traduttore
Argomento Letteratura (narrativa, poesia, saggistica...) Narrativa straniera
Collana Nativitas, 81
marchio Interlinea
Editore Interlinea
Formato Libro
Pagine 48
Pubblicazione 2021
ISBN 9788868574130
 
10,00 9,50
 
risparmi: € 0,50
Spedito in 2-3 giorni

Torna con i disegni originali il celebre racconto di un’autrice entrata nel mito. Il sarto di gloucester, popolato dai topini tanto amati da Beatrix Potter e dai suoi lettori di ogni età, è una fiaba natalizia ispirata a una storia vera e pubblicata per la prima volta in forma privata nel 1903. «Al tempo delle spade, delle parrucche e delle lunghe giacche con i risvolti ricamati, quando i gentiluomini indossavano polsini increspati e panciotti di seta di Padova e taffeta con passamanerie dorate, a Gloucester viveva un sarto. Da mattina a sera sedeva a gambe incrociate su un tavolo alla luce di una finestra di una botteguccia in West-Gate Street».

 

Biografia dell'autore

Beatrix Potter

Beatrix Potter (1866-1943) nasce a Londra, e nonstante la sua sia una famiglia benestante non le viene permesso di frequentare la scuola, come di consuetudine per le donne nell'età vittoriana. Seguita nell'istruzione da diversi istitutrici, s'interessa particolarmente dei piccoli animali che la circondano durante le lunghe giornate trascorse in solitudine nella campagna inglese, che le daranno poi lo spunto creativo per iniziare a scrivere le sue storie per bambini. La sua carriera di scrittrice e illustratrice di libri per bambini inizia nel 1902 con la pubblicazione di La Storia di Peter Coniglio, che riscuote fin da subito un grande successo fra il pubblico. Così sarà anche per gli altri suoi libri, sempre dedicati alle storie di animali antropomorfizzati e ambienti nella campagna inglese, che faranno di lei una delle più lette e amate scrittrici di letteratura per l'infanzia.

Un brano dal libro

beatrix-potter-il-sarto-di-gloucesterAl tempo delle spade, delle parrucche e delle lunghe giacche con i risvolti ricamati – quando i gentiluomini indossavano polsini increspati e panciotti di seta di Padova e taffeta con passamanerie dorate – nella città di Gloucester viveva un sarto.
Da mattina a sera sedeva a gambe incrociate su un tavolo alla luce di una finestra di una botteguccia in Westgate Street.
Finché era chiaro, tagliava e cuciva tutto il giorno, giuntando rasi, sete ricamate e lustrini; i tessuti avevano nomi strani ed erano parecchio costosi all’epoca del sarto di Gloucester.
Ma benché cucisse sete preziose per il vicinato, lui stesso era molto, molto povero, un vecchietto con gli occhiali, il viso incavato, le dita deformate e un abito fatto di stoffe logore.
Confezionava le sue giacche senza sprecare nulla, a seconda dei tessuti ricamati che aveva a disposizione: erano scampoli e avanzi sparsi sul tavolo, «pezzetti troppo piccoli, buoni solo per farne panciotti per i topi», diceva il sarto.
Un gelido giorno appena prima di Natale il sarto cominciò a cucire una giacca – una giacca di seta a coste color rosso ciliegia ricamata a viole e rose e un panciotto di satin tinta crema, ornato di pizzi e ciniglia verde pettinata – per il sindaco di Gloucester.
Il sarto lavorava, lavorava e parlava fra sé e sé. Misurava la seta, la girava e la rigirava e le dava forma con le forbici, sparpagliando scampoli color ciliegia su tutto il tavolo.

Rassegna stampa per Il sarto di Gloucester

Da "Libertà", su Il sarto di Gloucester di Beatrix Potter

Notizie che parlano di: Il sarto di Gloucester

Luzzati inedito, il Natale di Einstein, gli inni di sant’Ambrogio e nevicate d’arte

Fila fila strocca / fila fila dalla rocca / filastrocca della lana / la matassa si dipana / il gomitolo si fa / guai se il gatto lo vedrà

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.