Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Curiosando tra i libri degli Este

sconto
5%
Curiosando tra i libri degli Este
Titolo Curiosando tra i libri degli Este
Sottotitolo Le biblioteche di corte a Ferrara da Nicolò II (1361-1388) a Ercole I (1471-1505)
Autore
Argomenti Letteratura (narrativa, poesia, saggistica...) Saggistica letteraria
Storia Saggistica storica
Storia Documenti e testimonianze storiche
Collana Studi, 111
serie Studi boiardeschi, 14
Marchio Interlinea
Editore Interlinea
Formato
libro Libro
Pagine 640
Pubblicazione 2023
ISBN 9788868575335
 
40,00 38,00
 
risparmi: € 2,00
Spedito in 2-3 giorni
La ricerca nasce dalla curiosità di conoscere quali libri circolassero alla corte Estense nel Quattrocento e quanto le preferenze, i gusti – o, se vogliamo, il mecenatismo – dei vari signori abbiano caratterizzato la cultura loro contemporanea. Per questo l’edizione degli otto cataloghi noti – cinque della biblioteca della Torre di Rigobello e tre della biblioteca di Ercole – è per la prima volta accompagnata dal tentativo di identificare le opere schedate (e in alcuni casi di ritrovarne i codici): operazione resa difficile dalla nota lacunosità delle schede, e soprattutto dalla mancanza degli incipit-explicit.
La prima parte del lavoro riguarda la biblioteca della Torre: una sorta di biblioteca pubblica, che forniva prestiti ai funzionari e alle persone più vicine alla corte. Nel catalogo più antico, A, del 1436 – che è comunemente definito «catalogo dei libri di Nicolò III» – si sono identificati i libri già presenti a corte nel Trecento e in alcuni casi, anche sulla base degli emblemi, si sono distinti i manoscritti appartenuti a Nicolò II (1361-1388) da quelli personali di Nicolò III (1393-1441). La seconda parte riguarda la biblioteca di Ercole. Un esame attento di questi cataloghi ha permesso di riconoscere i molti libri appartenuti a Leonello e a Borso, che Ercole aveva raccolto con i suoi. In  capitoli dedicati ad ognuno dei tre signori viene ricostruito un elenco della loro biblioteca privata, con particolare attenzione alle opere che più hanno caratterizzato la cultura loro contemporanea.
L’ultimo elenco ferrarese di libri noto, del 1561, precedente il passaggio a Modena (1598), qui in appendice, testimonia la scarsa sopravvivenza dei manoscritti quattrocenteschi, ma permette anche di conoscerne alcuni – come per esempio il Trattato architettonico del Filarete presentato a Borso – non schedati nei cataloghi noti.
 

Rassegna stampa per Curiosando tra i libri degli Este

Da "la Nuova Ferrara", su "Curiosando tra i libri degli Este" di Antonia Tissoni Benvenuti

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.