Il tuo browser non supporta JavaScript!

Una notte di Natale

sconto
50%
Una notte di Natale
titolo Una notte di Natale
autore
curatore
con testi di
argomenti Letteratura (narrativa, poesia, saggistica...) Narrativa italiana
Letteratura (narrativa, poesia, saggistica...)
collana Nativitas, 24
marchio Interlinea
editore Interlinea
formato Libro
pagine 48
pubblicazione 2001
ISBN 9788882123222
 
5,00 2,50
 
risparmi: € 2,50
Spedito in 2-3 giorni

Informazioni importanti

Titolo in esaurimento: offerta per bibliofili
Per Dino Garrone il Natale era il momento più inquietante dell’anno: quello della resa dei conti. Ecco tre racconti di uno scrittore irregolare, di frontiera da cui emerge un Natale diverso, laico, umanissimo e commovente, dove la propria “natività” è vissuta come confessione privata. Dal ricordo di una notte in cui entrando in chiesa per caso non si sentì più solo, al viaggio su un treno vuoto la sera della vigilia, fino alla memoria della figura della madre. Testi magistrali come ferite aperte di una coscienza insonne, arricchiti da una intensa nota di Marcello Veneziani, uno degli intellettuali contemporanei più attenti alla figura dello scrittore.
 

Biografia dell'autore

Dino Garrone

Nato a Novara, Dino Garrone visse a Pesaro e morì a soli ventisette anni a Parigi, il 10 dicembre 1931, dopo una vita intensa e tormentata tra cultura e letteratura. La sua tesi di laurea su Verga divenne un libro celebre pubblicato postumo da Luigi Russo e le sue lettere furono edite da Vallecchi a testimoniare un intellettuale aperto e all’avanguardia. Il suo libro più noto (ma dimenticato) è forse Il sorriso degli etruschi, da cui sono tratti i testi di Una notte di Natale.

Un brano del libro

A Torino io e il mio compagno saltammo sul treno che già si muoveva.
Il treno era vuoto e risuonava agli urti come una botte. Passavamo da uno scompartimento all’altro come per i salottini uguali di un albergo equivoco, abbandonato in fretta dalle ultime coppie irregolari. Sui velluti c’erano ancora le traccie delle scarpe, e piccole incrostazioni di fango secco; per terra anche molti cartigli sgualciti di cioccolatini. Il pensiero che nella notte la locomotiva faticasse tanto per due soli viaggiatori, dopo una prima fatua allegria, ci aveva tolto persino la voglia di scherzare come lo spettacolo di uno spreco inutile e bestiale. Seduti uno davanti all’altro, guardavamo dal finestrino i punti accesi delle case; col fiato che appannava i vetri, quelle luci perdevano a poco a poco ogni vigore, e il mondo si andava spegnendo. Nei nostri cervelli passavano immagini press’a poco identiche. Vedevo delle stanze ben tappezzate dove tumultuavano persone con i volti ilari e i gesti cordiali, rapidi, ampi sotto i lampadari. Attorno a un tavolo quattro giovanotti e una signora giuocavano a poker; io guardavo, da dietro, le carte di uno che in quel momento aveva full d’assi. I rilanci salivano piacevolmente, fatti da voci piene di serenità, nell’atmosfera caratteristica dei giuochi di fine d’anno, quando tutti in un impeto di sublime eroismo vorrebbero perdere. Nel centro di un’altra camera, un ragazzo montava su di una seggiola con un bicchiere in mano, e recitava, fingendosi ispirato, un brindisi che aveva il potere di far scoppiare in risa il fitto uditorio. Quindi lo pigliavano sulle spalle e lo portavano in giro, in trionfo. Con gesto di seminatore egli spandeva il vino a raggiera, sulle teste di tutti, e le gocce cadendo a terra mi pareva dessero un suono secco, di chicchi. I nuovi convenuti, che entravano con le teste affondate dentro le spalle come se avessero ancora il paletot, venivano accolti da grida e battimani (…)

Libri dello stesso autore

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.