Il tuo browser non supporta JavaScript!

Viaggio col padre

sconto
5%
Viaggio col padre
titolo Viaggio col padre
autore
curatore
argomenti Letteratura (narrativa, poesia, saggistica...) Narrativa italiana
Letteratura (narrativa, poesia, saggistica...)
collana Biblioteca di narrativa, 40
serie Opere di Carlo Castellaneta, 2
marchio Interlinea
editore Interlinea
formato Libro
pagine 212
pubblicazione 2019
ISBN 9788868572440
 
Promozione valida fino al 31/12/2021
15,00 14,25
 
risparmi: € 0,75
Spedito in 2-3 giorni

Disponibile anche nel formato

Un viaggio di tredici ore in treno può salvare i rapporti in crisi tra nord e sud, tra padre fascista e figlio che si oppone e vuol capire, tra la fedeltà alla moglie e il tradimento degli ideali. Nel viaggio tra Milano e Foggia, dentro il buio della notte ma anche dell’esistenza giovanile e della società, si celebra il processo a una generazione che affollò acriticamente le piazze portando il Paese al baratro. Torna il romanzo di formazione scoperto da Elio Vittorini che così rivelò Castellaneta: una storia sul conflitto generazionale e sulla difficoltà di parlarsi e dirsi tutto quello che non si è mai voluto (o saputo) dire.

 

Biografia dell'autore

Carlo Castellaneta

Carlo Castellaneta (Milano 1930-Palmanova 2013) è stato uno scrittore e giornalista italiano. Iniziò giovanissimo a lavorare, prima in una galleria d’arte poi come correttore di bozze, finché nel 1958 Elio Vittorini lesse il manoscritto di Viaggio col padre e lo volle pubblicare. I romanzi di Castellaneta sono stati tradotti in inglese, francese, spagnolo e tedesco. Giornalista del “Corriere della Sera” e direttore di “Storia illustrata”, è stato anche presidente del Museo teatrale alla Scala. Dal romanzo Notti e nebbie è stata tratta l’omonima miniserie televisiva diretta da Marco Tullio Giordana su sceneggiatura dello stesso Castellaneta. Interlinea ha avviato la ripubblicazione delle sue opere a cura di Ermanno Paccagnini.

Un brano del libro

Dormiva. E non che fosse tardi. La notte era appena cominciata, una notte calda di stelle basse, ma le gambe non gli reggevano quelle due ore fermo all’impiedi. Dormiva: raccolto il capo nel braccio ripiegato, i talloni puntati contro il legno dello scompartimento, facendo un ponte con la schiena come nei giochi dei ragazzi. Sussultava, col corpo abbandonato che assecondava il ritmo delle ruote, e avrei voluto tenergli una mano sopra il dorso e sentirlo dormire. Avrei voluto, dico, poiché solo allora mi vidi quel che ero e quel che lui era per me. Avrei voluto tastargli le ginocchia e scoprirle di latte, molli e invecchiate, prima che il viaggio avesse termine e con esso ogni altra occasione. Ma lui dormiva, e un rantolo gli usciva di bocca che metteva pena. E mi pareva abbastanza, questa tenerezza nuova e matura che mi nasceva vicino a lui, perché si facesse pace una buona volta e io tornassi a sentirmi figlio. Era facile crederlo: l’aria entrava a torrenti dal finestrino e mi gonfiava la camicia. Ma il ricordo, una ferita antica e ancora aperta, mi teneva.

Rassegna stampa per Viaggio col padre

Da "Io Donna", Luisa Brambilla e Maria Grazia Ligato su "Viaggio col padre" di Carlo Castellaneta

Notizie che parlano di: Viaggio col padre

Le nostre citazioni più belle dedicate al tema del viaggio, con i titoli Interlinea

Sorrise di nuovo, questa volta aperto e soddisfatto, e tornò con la schiena alla parete. Il viaggio era appena cominciato ed io ero già battuto. Mi chiedevo in che modo avrei passato tutte quelle ore con lui

Libri dello stesso autore

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento