Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'ultima dea

sconto
5%
L'ultima dea
titolo L'ultima dea
autore
curatore
argomento Letteratura Narrativa italiana
collana Biblioteca del Piemonte Orientale, 7
marchio Interlinea
editore Interlinea
formato Libro
pagine 288
pubblicazione 2004
ISBN 9788882124236
 
Promozione valida fino al 31/12/2020
15,00 14,25
 
risparmi: € 0,75
Spedito in 2-3 giorni
Un romanzo ritrovato del grande poeta e giornalista Ernesto Ragazzoni, uscito a puntate nel 1892 e subito disperso, viene per la prima volta pubblicato integralmente: una storia tra provocazione letteraria, occultismo e anarchia che mette in discussione la cultura dell'epoca.
 

Biografia dell'autore

Ernesto Ragazzoni

Ernesto Ragazzoni è un originalissimo tipo di intellettuale e giornalista. Nato a Orta, sull’omonimo lago, nel 1870, dopo gli studi a Novara (dove pubblica l'unica raccolta di versi uscita in vita, Ombra) si trasferisce a Torino e nel 1900 è assunto alla “Stampa”; il lavoro di giornalista lo porta a vivere a Parigi, Londra, Bologna e Roma. Muore, consumato dalla cirrosi, nel 1920. Successivamente le sue poesie sono pubblicate in varie edizioni.

Il sole tramontava: la brezza appena appena increspava l’onda crocea.
Il Nord-America con tutte le vele sciolte al vento, simile ad un gigantesco alcione colle ali librate, usciva maestoso dal golfo.
Cessato il lavoro delle braccia, lavoro richiesto dalla manovra, lo stridulo cigolar delle puleggie, l’ordinato correre dei marinai dalle mure alle scolte, dalle scolte alle drizze, alla confusione che sovrana regnava in quel momento sul Nord-America erano susseguiti i fischi dei nocchieri, ed il ripercuotersi del flutto sulla prora.
Il mare avvolgeva la nave come una carezza soave di donna innamorata.
La serata era magnifica.
Sul Nord-America tutto era moto. Eravi chi andava, chi .veniva, chi si fermava, chi discorreva, chi taciturno stavasene a rimirar, dalla prua del bastimento, il mare terso come uno specchio cui le ruote tendevano nel loro rapido cammino e facevano gorgogliare intorno ai fianchi della nave.
Eravi varietà di abiti e di idiomi,
C’erano americani, inglesi, russi, indiani, spagnuoli, tedeschi, italiani.
Fra questi spiccava un giovane, di forse venticinque anni, elegantissimo, di forme piacevoli. La fronte aveva solcata da rughe precoci. Pareva sofferente nell’aspetto.
Immobile e silenzioso se ne stava guardando gli infiniti spazii del mare che incominciava leggermente a spumeggiare, perché il vento notturno si faceva più fresco.

Libri dello stesso autore

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.