Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il cimitero marino

sconto
15%
Il cimitero marino
titolo Il cimitero marino
autore
curatore
argomento Letteratura Poesia straniera
collana Lyra, 63
marchio Interlinea
editore Interlinea
formato Libro
pagine 64
pubblicazione 2016
ISBN 9788868570880
 
12,00 10,20
Libro di difficile reperibilità, contattaci per ordinarlo
 
risparmi: € 1,80

Disponibile anche nel formato

Con Claudel, Gide e Proust, Paul Valéry è stato uno dei massimi esponenti della letteratura francese della prima metà del secolo scorso. Il suo celebre Cimetière marin, uno dei vertici della lirica del novecento, accompagna il lettore in un percorso fitto di riferimenti simbolici e mitici, dalla contemplazione della morte, tra le tombe del cimitero di Sète, all'esaltazione della vita, seguendo il vento che si è alzato a muovere il mare. La traduzione di Raul Capra, che intende mantenere la struttura strofica e ritmica dell'originale, ma senza il vincolo illusorio e sviante delle rime, è preceduta da un'ampia introduzione che esamina le precedenti traduzioni italiane del Cimitero marino, collocandole nell'ambito delle problematiche dell'odierna traduttologia.
 

Biografia dell'autore

Paul Valéry

Paul Valéry nasce a Sète, centro marittimo della Francia meridionale, il 30 ottobre 1871. Il padre, ispettore della dogana, era di origine corsa; la madre, Fanny Grassi, di famiglia genovese. Nel 1873 Paul compie con i genitori il primo viaggio a Genova, città a cui resterà sempre legato. Nel 1884 la famiglia si trasferisce a Montpellier, dove Paul frequenta il ginnasio-liceo, per iscriversi quattro anni dopo a Giurisprudenza. Dal 1889-1890 comincia a pubblicare, su giornali locali e piccole riviste letterarie, poesie di ispirazione simbolista; stringe amicizia con Pierre Louys e André Gide; conosce poi Mallarmé, che frequenterà assiduamente dopo essersi trasferito, nel 1894, a Parigi. Ma intanto una crisi spirituale già lo aveva portato ad abbandonare la poesia per dedicarsi allo studio della matematica e della filosofia. Ne conseguiranno i saggi Introduction à la méthode de Leonard de Vinci (1895) e La soirée avec Monsieur Teste (1906). Tornerà alla poesia soltanto nel 1917, con La jeune Parque, complesso poema in alessandrini, il cui successo critico porterà alla pubblicazione delle poesie giovanili (Album de vers anciens, 1921) e poi di una nuova raccolta (Charmes, 1922), che contiene alcuni dei suoi capolavori poetici, tra i quali Le cimetière marin, uno dei vertici della lirica del Novecento. Nel 1923 escono i dialoghi Eupalinos ou L’architecte e L’âme et la danse; nel 1921 il primo dei cinque volumi di Variété, che nel ventennio successivo raccoglieranno, coi due di Tel Quel (1941-1943), la sua amplissima produzione saggistica. Eletto nel 1917 all’Académie Française, è ormai considerato uno dei maggiori intellettuali del suo tempo, sempre più preso da impegni francesi e internazionali. Nel 1938 è incaricato di un corso di poetica al Collège de France, che terrà fino alla fine. Nell’edizione del 1942 delle Poésies, con le tre precedenti raccolte, pubblica alcuni testi melodrammatici degli anni trenta: Cantate du Narcisse, Amphion e Sémiramis, musicati da Arthur Honegger. Ancora al teatro è dedicato il Mon Faust, edito nel 1944. Valéry muore il 20 luglio 1945; dopo le esequie nazionali a Parigi, verrà sepolto nel cimitero marino di Sète. Sulla tomba questi versi del suo poema: «O récompense après une pensée / Qu’un long regard sur le calme des dieux!» (“Dopo un pensiero quale ricompensa / guardare a lungo degli dei la calma!”).

Notizie che parlano di: Il cimitero marino

Uno dei vertici della lirica del novecento, "Cimetière marin" di Paul Valéry, esce con Interlinea nella nuova edizione a cura di Raul Capra e un testo sui problemi dell'odierna traduttologia

Quando un sole s’indugia sull'abisso,
opere pure d’una eterna causa,
scintilla il Tempo ed è sapere il Sogno

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.